IL PVC

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Mi chiedete spesso pareri sul pvc, oggi voglio parlarvi di questo materiale.

Cosa è il pvc?

Il polivinilcloruro (polimero del cloruro di vinile) meglio conosciuto come pvc è una fibra sintetica, si presenta come polvere o granulato bianco.

Si tratta di una delle materie plastiche più comunemente usata e di maggior consumo nel mondo. Puro, è un materiale molto rigido ma miscelato a composti inorganici e a prodotti plastificanti, come ad esempio gli esteri dell’acido ftalico, è reso flessibile e modellabile. Essendo sensibile alla luce e al calore subisce un procedimento di stabilizzazione per evitarne l’ingiallimento o la decomposizione.

Come si utilizza il pvc?

Gli utilizzi del PVC sono innumerevoli, da alcuni decenni viene utilizzato anche per la realizzazione di profili per serramenti destinati all’edilizia residenziale e pubblica.

Molti produttori che non fanno parte dell’Unione Europea per abbattere i costi ed essere più competitivi hanno utilizzato, e utilizzano tutt’oggi, PVC di bassa qualità perché utilizzano per il processo di plastificazione e stabilizzazione cadmio e piombo. Due metalli pesanti considerati pericolosi per l’inquinamento ambientale e per la salute dell’uomo.

L’impatto del pvc nell’ambiente

Negli ultimi anni molti ricercatori si sono concentrati sugli effetti che la plastica in tutte le sue variabili, può avere sull’ambiente e sulla nostra salute pubblicando numerose relazioni con risultati spesso contrastanti, le quali suscitano, molti interrogativi sia nel mondo scientifico che nell’opinione pubblica.

Questa maggiore attenzione dei mass media è anche dovuta all’incremento esponenziale dell’utilizzo delle plastiche in tutti i settori, dovuto al basso prezzo e alla sua durata nel tempo. Questi fattori hanno portato a un utilizzo sfrenato di questo materiale e, purtroppo, a gravi effetti sull’ecosistema.

L’effetto indesiderato più evidente e tangibile è quello causato dall’inquinamento dovuto alla dispersione e all’accumulo di prodotti plastici.

Cumuli di lastica su una spiaggia

I prodotti plastici, una volta utilizzati, vengono gettati nell’ambiente e le sostanze nocive che rilasciano nel terreno, vanno a inquinare le falde acquifere oppure vengono trasportate nel mare, attraverso i fiumi.

Sono circa 260 le specie che sono state danneggiate dalla plastica e oltre 400.000 mammiferi marini sono morti a causa dell’ingerimento di questi frammenti.

Un rapporto diffuso nel mese di Febbraio 2019 dal CIEL (Center for International Environmental Law) e pubblicato sul sito di Greenpeace mette ancora più in evidenza questo allarme, chiedendo di adottare il principio di precauzione per proteggere l’umanità evidenziando come le materie plastiche presentano differenti rischi per la salute di tutti noi in ogni fase del loro ciclo di vita.

Dalle sostanze chimiche rilasciate durante l’estrazione del petrolio, alla produzione delle materie prime, passando attraverso l’esposizione agli additivi chimici rilasciati durante il loro utilizzo.

Queste sostanze rilasciano nell’ambiente micro frammenti che possono entrare nel corpo umano attraverso il contatto, l’ingestione o l’inalazione, penetrando nei tessuti e generando un impatto dalle conseguenze non ancora definite. 

Il PVC sarebbe tecnicamente semplice da riciclare, ma gli additivi utilizzati mettono a rischio tutto il processo di riciclaggio. 

Occorre anche ricordare che il PVC dal giugno 2007 è tra le sostanze ammesse dal regolamento dell’Unione Europea REACH e che è utilizzato per tante applicazioni, tra le quali oltre che in campo medico, negli impianti idraulici per condotti e tubature di acqua potabile, pavimentazione, arredo ed altre.

Il nostro punto di vista

Noi, in quanto rivenditori di finestre in pvc, siamo sensibili a questo argomento e la nostra etica ci ha fatto riflettere su questo delicato argomento ormai da tempo.

La nostra responsabilità ci ha imposto di capire se i serramenti in PVC, dalla produzione fino al loro utilizzo, possono presentare un problema per la nostra salute, se vale la pena utilizzare questo materiale per costruire i serramenti da installare nelle nostre case o se si tratta di un falso allarme generato da interessi di mercato.

Negli anni abbiamo analizzato più aspetti, verificato i diversi punti di vista e i risultati delle ricerche per arrivare a una conclusione al di sopra delle parti e che ci potesse permettere una corretta visione e soprattutto una risposta equilibrata verso noi stessi e i nostri committenti.

Il nostro parere è che se si vuole acquistare finestre in pvc occorre fare molta attenzione ai seguenti aspetti:

  • Il materiale con il quale sono costruiti gli infissi, non deve contenere cadmio e piombo 
  • Il materiale deve essere conforme alle normative vigenti, la norma di riferimento è la UNI EN 12608 che ne consente la marcatura CE e ne certifica la qualità. La norma tiene conto anche delle caratteristiche necessarie per far si che il prodotto garantisca prestazioni di lunga durata e che non si deteriori nel tempo.
  • In Italia, il profilo in PVC con il quale costruire i serramenti, deve essere in classe S. Se al contrario, riscontriamo sui certificati che il materiale è di classe M, andremo sicuramente incontro a un precoce deterioramento e a una minor durata del serramento.
  • verificare che i profili siano costruiti con pvc rigido (che non contiene plastificanti) e che non siano stati utilizzati in fase di produzione plastificanti né tantomeno ftalati a basso peso molecolare (LMV) che sono le sostanze chimiche più studiate da un punto di vista ambientale e tossicologico.

Gli ftalati infatti, vengono associati ripetutamente agli effetti negativi sulla salute e sull’ambiente e ne esistono di due tipi:

  • ftalati a basso peso molecolare (LMW), classificati come potenziale azione tossica (sulla base di studi condotti sugli animali) e il loro utilizzo è stato bandito in Europa dal 2015
  • ftalati ad alto peso molecolare (HMW) non presentano alcun rischio nelle applicazioni attuali. Il loro utilizzo è vietato solo nei prodotti per l’infanzia che possono essere messi in bocca dai bambini.

La differenza tra questi due tipi di componenti è fondamentale.

Da diverso tempo l’industria europea del PVC ha incrementato l’utilizzo degli ftalati ad alto peso molecolare (HMW) impegnandosi a garantirlo con i marchi: Vinyl 2010 – Vinyl Plus – G Compound – Vinyl Quality Film.

Ricapitolando, quando ci apprestiamo a proporre o ad acquistare un serramento in PVC, occorre richiedere che il serramento abbia le attestazioni del marchio di qualità Vinyl Plus e la certificazione UNI EN 12608 in classe S.

In base a queste informazioni, possiamo dedurre che, se i serramenti sono costruiti con materia prima di qualità durante l’utilizzo nelle nostre abitazioni, non dovrebbero avere effetti collaterali.

In conclusione, è ovvio che ci sono informazioni in contraddizione tra loro, per questo resta difficile dare una risposta certa alla domanda di partenza, sia in positivo che in negativo.

Il ragionamento è soggettivo, ma è giusto avere tutte le informazioni per fare una scelta consapevole.

Ciò che possiamo affermare con certezza è che le finestre in pvc di Internorm sono senza piombo e cadmio.

Maurizio Puggelli

Maurizio Puggelli

Sono Maurizio Puggelli e sono l’autore di questo blog. Ho aperto questo spazio per darti preziose informazioni e spunti di riflessione che possano aiutarti a scegliere i tuoi serramenti per goderti al massimo il comfort in casa tua.
Se vuoi, puoi farmi sapere se hai trovato interessante il mio articolo. Sarò felice di leggere le tue opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono Maurizio Puggelli e sono l’autore di questo blog. Ho aperto questo spazio per darti preziose informazioni e spunti di riflessione che possano aiutarti a scegliere i tuoi serramenti per goderti al massimo il comfort in casa tua.

Sviluppo progetti per la ristrutturazione di dimore storiche, ville, appartamenti ecc. Ogni giorno lavoro per trasformare le case in un ambiente più sano, confortevole ed ecologico. 

Da piccolo giocavo sempre con il Lego, da grande ho scelto di coltivare questa mia passione per la costruzione. Ho iniziato la mia attività con la produzione di infissi in alluminio, quindi conosco tutto il ciclo produttivo: lavorazioni, materiali, assemblaggio.

L’esperienza mi ha permesso di concepire la finestra come un elemento che ha un ruolo molto importante e se non c’è un progetto ben studiato prima, la sua sostituzione rischia di essere il punto più debole dell’involucro edilizio.

Da questa intuizione è cambiato tutto: non più solo produzione di finestre, ma ho deciso di ampliare le mie conoscenze tecniche iniziando la mia formazione. Ho studiato e continuo a studiare con i professionisti più autorevoli del settore.

Non ti farò una noiosa lista dei miei attestati, ti mostro solo l’ultimo EQF4.

Infine… il mio motto è: pensi o sai?

La mia esperienza e le mie conoscenze sono a tua disposizione. Puoi scrivermi per chiedermi una consulenza, per farmi una domanda o solo per condividere la tua opinione.

Compila il modulo che trovi qui sotto e premi invia, sarò felice di leggerti.

Non ti prometto di risponderti entro 24 ore, ma ti garantisco la mia risposta.

Contattaci

Per vedere la squadra Tecnoserramenti all’opera, guarda la gallery dei nostri lavori

uLTIMI ARTICOLI

Il ponte termico

Oggi, voglio parlarvi dei ponti termici, una realtà che purtroppo è presente nella maggior parte delle nostre case.  Cos’è un

SEGUICI SU FACEBOOK

Articoli correlati

Il cappotto esterno: ecco perché tutti lo vogliono

  Premessa sul cappotto esterno Il cappotto esterno non era mai stato così di moda! A maggio è diventata la parola più cercata dagli italiani. Dopo congiunti, naturalmente. Scherzi a parte, come tutti sappiamo l’obiettivo dell’Unione Europea è da anni quello di ridurre il fabbisogno

Il ponte termico

Oggi, voglio parlarvi dei ponti termici, una realtà che purtroppo è presente nella maggior parte delle nostre case.  Cos’è un ponte termico? I ponti termici nell’involucro edilizio sono quei punti di collegamento che si possono trovare nei solai, nel tetto o nei serramenti, punti dai

Il mio consiglio per come scegliere le tue finestre

Il mio consiglio per come scegliere le tue finestre                     in sintesi Se cerchi su google “cambiare le finestre” troverai decine e decine di articoli, consigli e guide. Qualcuno anche ben fatto. Chi sono io per

L’uovo è come la finestra e viceversa

L’uovo di Pasqua mi ha fatto pensare a una similitudine. Proprio come il guscio di un uovo la finestra serve a proteggerti. Quest’affermazione può farti sorridere, ma se ci pensi bene, proprio come il guscio di un uovo protegge il pulcino, la finestra serve a

110%

Con un semplice sistema che ho personalmente ideato puoi verificare se hai tutti i requisiti necessari per accedere al bonus.

In caso positivo, grazie alla consulenza di esperti professionisti verrà analizzato il consumo energetico della tua casa, in base al risultato e alle tue esigenze svilupperò un progetto di riqualificazione su misura.

Cosa devi fare?

  • Devi solo compilare il modulo che trovi qui a destra
  • Devi fornirci tutte le informazioni che ti chiederemo
  • Una volta ricevute tutte le informazioni da parte tua, ti spiegheremo in dettaglio come funziona il nostro sistema.
  • Non dovrai fare altro che aspettare il risultato dell’analisi energetica e il progetto di riqualificazione elaborato per te.
Per correttezza, dobbiamo precisare che stiamo lavorando a grandi e importanti cantieri e che l’eventuale lavoro non sarà realizzabile in tempi brevi. La nostra consulenza tecnica e fiscale sarà comunque veloce ed esauriente.