Porte da esterno: come scegliere la soluzione migliore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
porta ingresso come scegliere

La porta d’ingresso e, più in generale, le porte da esterno, sono il biglietto da visita della tua casa, ma non hanno solo una funzione prettamente estetica. Le porte d’ingresso si rivelano essenziali anche per la sicurezza tua e della tua casa, oltre che per garantire una buona funzionalità termica. 

Ecco quindi che è importante fare le opportune valutazioni quando si è in procinto di scegliere le porte da esterno per la propria abitazione, tenendo in considerazione non soltanto fattori estetici, ma anche quelli pratici.

Porta d’ingresso: un po’ di storia 

Le prime notizie relative ai portoncini d’ingresso risalgono a molti secoli fa, nonostante fossero una prerogativa delle abitazioni dei ceti più ricchi.

Inizialmente la porta esterna ha un ruolo funzionale, utile a riparare gli interni delle case dagli sguardi indiscreti. Soltanto nel Rinascimento si assiste a un’evoluzione del suo ruolo: da elemento puramente pratico, a orpello decorativo. Di pari passo anche i materiali di realizzazione iniziano a evolversi: alle varie tipologie di legno (noce, cipresso, castagno, pioppo o olmo) spesso intarsiati e decorati, si aggiungono componenti in ferro e in acciaio, fino ad arrivare ai portoncini blindati che noi tutti conosciamo.

Porte da esterno: cosa si intende?

Quando parliamo di porte esterne, non ci riferiamo solo alla porta d’ingresso dell’abitazione. Possiamo considerare come porte esterne ogni infisso che separa l’ambiente abitato da quello esterno. In questa categoria rientrano quindi a pieno titolo anche i cancelli fronte strada, i basculanti dei garage e le porte automatiche. 

Porte da esterno: cosa valutare nella scelta

Ci sono alcune caratteristiche essenziali da considerare nella scelta delle porte da esterno, in primis la valutazione delle prestazioni. La resistenza agli agenti atmosferici e il grado di isolamento della struttura sono elementi fondamentali che contribuiscono a migliorare o a peggiorare notevolmente il comfort abitativo. 

A seconda della destinazione d’uso, cambiano le esigenze: una villa avrà bisogno di porte esterne diverse rispetto a quelle idonee a un appartamento inserito al 5° piano di un condominio. 

Materiale

Una menzione particolare, nella scelta della porta da esterno, la meritano i materiali di realizzazione, che variano appunto a seconda del contesto in cui saranno inserite.

I principali sono:

  • legno: soluzione più diffusa e conosciuta, ma progressivamente sostituita da materiali più efficienti;
  • alluminio e PVC: tra i migliori alla luce delle loro elevate prestazioni a livello di isolamento termico;
  • acciaio (verniciato, inox, Cor-ten) o bronzo: materiali versatili e adatti alla costruzione di porte con cui è possibile creare combinazioni diverse tra l’esterno e l’interno dell’abitazione. Si riescono quindi a mixare le alte prestazioni con l’eleganza e lo stile.

Livello di sicurezza

Un altro importante elemento da valutare è il livello di sicurezza che una porta esterna e, ancor più, un portoncino d’ingresso è in grado di garantire. Per misurare le performance si usano delle classi di resistenza all’effrazione che sono denominate con la sigla RC (Resistance Class). Partono dalla RC1 (meno performante) fino alla RC6 ed hanno lo stesso valore comparativo per tutti gli elementi. Quindi una porta blindata in classe 3 ha la stessa resistenza allo scasso di una inferriata in classe 3 o una finestra  sempre RC3.

Ecco nel dettaglio le caratteristiche di ogni classe:

  • RC1: indica la resistenza del manufatto alla attuazione dell’effrazione attraverso un malvivente occasionale con la sola “violenza fisica”, la classica “spallata”, con la quale si può forzare ed entrare senza neppure considerarne un tempo necessario con il risultato dell’assenza di alcun tipo di sicurezza. 
  • RC2: indica la resistenza del manufatto alla attuazione della effrazione un malvivente occasionale con l’utilizzo di attrezzi semplici come cacciaviti, pinze, cunei con una durata all’attacco di 3 minuti prima di forzare ed entrare.
  • RC3: indica la resistenza del manufatto alla attuazione della effrazione un malvivente occasionale o esperto con ulteriore impiego anche di attrezzi a leva (piede di porco) con una durata all’attacco di 5 minuti prima di forzare ed entrare.
  • RC4: indica la resistenza del manufatto alla attuazione della effrazione un malvivente esperto con ulteriore impiego anche di sega ed utensili a percussione (martelli, trapani, scalpelli) con una durata all’attacco di 10 minuti prima di forzare ed entrare.
  • RC5: indica la resistenza del manufatto alla attuazione della effrazione un malvivente molto esperto con ulteriore impiego anche di seghe a sciabola ed elettroutensili (mole da taglio con disco diam. 125) con una durata all’attacco di 15 minuti prima di forzare ed entrare.
  • RC6: indica la resistenza del manufatto alla attuazione della effrazione un malvivente professionista con ulteriore impiego anche di seghe a sciabola ed elettroutensili ad angolo (mole da taglio con disco diam. 230) con una durata all’attacco di 20 minuti prima di forzare ed entrare.
Maurizio Puggelli

Maurizio Puggelli

Sono Maurizio Puggelli e sono l’autore di questo blog. Ho aperto questo spazio per darti preziose informazioni e spunti di riflessione che possano aiutarti a scegliere i tuoi serramenti per goderti al massimo il comfort in casa tua.
Se vuoi, puoi farmi sapere se hai trovato interessante il mio articolo. Sarò felice di leggere le tue opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

maurizio

Sono Maurizio Puggelli e sono l’autore di questo blog. Ho aperto questo spazio per darti preziose informazioni e spunti di riflessione che possano aiutarti a scegliere i tuoi serramenti per goderti al massimo il comfort in casa tua.

Sviluppo progetti per la ristrutturazione di dimore storiche, ville, appartamenti ecc. Ogni giorno lavoro per trasformare le case in un ambiente più sano, confortevole ed ecologico. 

Da piccolo giocavo sempre con il Lego, da grande ho scelto di coltivare questa mia passione per la costruzione. Ho iniziato la mia attività con la produzione di infissi in alluminio, quindi conosco tutto il ciclo produttivo: lavorazioni, materiali, assemblaggio.

L’esperienza mi ha permesso di concepire la finestra come un elemento che ha un ruolo molto importante e se non c’è un progetto ben studiato prima, la sua sostituzione rischia di essere il punto più debole dell’involucro edilizio.

Da questa intuizione è cambiato tutto: non più solo produzione di finestre, ma ho deciso di ampliare le mie conoscenze tecniche iniziando la mia formazione. Ho studiato e continuo a studiare con i professionisti più autorevoli del settore.

Non ti farò una noiosa lista dei miei attestati, ti mostro solo l’ultimo EQF4.

Infine… il mio motto è: pensi o sai?

La mia esperienza e le mie conoscenze sono a tua disposizione. Puoi scrivermi per chiedermi una consulenza, per farmi una domanda o solo per condividere la tua opinione.

Compila il modulo che trovi qui sotto e premi invia, sarò felice di leggerti.

Non ti prometto di risponderti entro 24 ore, ma ti garantisco la mia risposta.

Contattaci

Per vedere la squadra Tecnoserramenti all’opera, guarda la gallery dei nostri lavori

uLTIMI ARTICOLI

Posso cambiare gli infissi con il Superbonus 110?

La domanda da 1 milione di dollari a cui ci troviamo a rispondere più volte al giorno! Sono tante le persone che ci contattano con questo quesito: “Posso cambiare gli infissi usufruendo del Superbonus del 110%?”

SEGUICI SU FACEBOOK

Articoli correlati

Cassonetto monoblocco: tutto quello che devi sapere

In questo articolo ti voglio raccontare di un elemento che spesso viene utilizzato nella costruzione di nuove abitazioni: il termocassone o cassone monoblocco.  Non si tratta solo di un elemento decorativo, ma garantisce una serie di vantaggi e benefici volti all’isolamento della finestra.  Il monoblocco

UNI 11673-1: la normativa di posa in opera degli infissi

Ogni bravo serramentista, per svolgere al meglio il suo lavoro, dovrebbe conoscere bene il contenuto della UNI 11673, ossia la normativa relativa alla posa in opera degli infissi.  In questa normativa si affronta finalmente l’argomento della progettazione, grazie alla quale si devono garantire le prestazioni

Posso cambiare gli infissi con il Superbonus 110?

La domanda da 1 milione di dollari a cui ci troviamo a rispondere più volte al giorno! Sono tante le persone che ci contattano con questo quesito: “Posso cambiare gli infissi usufruendo del Superbonus del 110%?”